Piazza Dante a Genova

 

Piazza Dante si trova nel centro della meravigliosa città di Genova. La sua storia risale agli anni ’30 del 1900, quando si decise di demolire il quartiere antico di Ponticello secondo il Piano delle aree centrali. La piazza di trova in un punto molto ricco di attività commerciali ed economiche.

Tra le cose più importanti nella piazza dedicata al padre della lingua italiana è senza dubbio la Porta Soprana, detta anche del Barbarossa, che costituisce gli ultimi resti della cinta muraria risalente al 1100. Oltre a questa, nella piazza dedicata al sommo poeta italiano, si trovano la casa di Colombo e l’antico convento di Sant’Andrea. La prima è diventata ormai una vera e propria attrazione turistica, mentre il secondo è una ricostruzione del convento ormai scomparso dopo la distruzione del complesso monastico e la trasformazione in carcere nel XIX secolo.

piazza

In Piazza Dante, si può notare un continuo contrasto tra i grattacieli in stile razionalista, come la Torre Piacentini, e le architetture antiche, che crea una meravigliosa commistione tra presente e passato.

Da una parte, la piazza è collegata con la famosa Piazza dei Ferrari, il cui nome deriva dall’omonima famiglia ligure. Dall’altro lato, invece, sfocia nella Galleria Cristoforo Colombo, che unisce la zona della Foce al centro della città.

Il borgo di Ponticello

La piazza, come appare adesso, è completamente diversa da come era prima della seconda guerra mondiale. Qui, infatti, sorgeva il quartiere di Ponticello, circondato dai colli di Sarzano, Sant’Andrea e Carignano. Il nome del piccolo borgo derivava dal ponticello che collegava le due rive del Rivo Torbido.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *